MAXXI di Roma: a Dicembre, il meeting ANF 2019

Dal 13 al 15 Dicembre appuntamento straordinario a Roma con il Meeting ANF.rnLa kermesse si terrà al MAXII di Roma, il Museo Nazionale delle Arti del 21° Secolo,una location simbolo di modernità in armonia con il futuro che l’Associazione Nazionale Forense vuole per l’Avvocatura, un’avvocatura non più ancorata a schemi classici e corporativi.rnrnUn appuntamento ricco di contenuti e di relatori eccellenti per confrontarsi sulla professione, sull’impatto dell’innovazione tecnologica, sulle partnership anche europee dell’associazione. La sessione di apertura, prevista per il pomeriggio del 13, è dedicata ad un tema da sempre al centro dell’attenzione dell’ANF: il rapporto tra concorrenza e professione.rn

rnrnPrevista la partecipazione di Roberto Rustichelli presidente dell’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato, del Prof. Marcello Clarich, ordinario di diritto amministrativo esperto delle problematiche che riguardano l’avvocatura, del dott. Sauro Mocetti, economista della Banca d’Italia, del prof. Mario Pagliero, ordinario dell’Università di Torino in scienze economico-sociali.rnE ancora Gaetano Stella Presidente Confprofessioni, per uno spaccato completo sull’intero comparto delle professioni, Antonino Galletti Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Roma per il punto di vista dell’ordine professionale forense più grande d’Europa.A moderare la sessione di apertura, infine, Giovanni Negri, giornalista de IlSole24ore.rnLa giornate successive, con altre illustre partecipazioni, saranno dedicate all’innovazione tecnologica, all’Europa, al sistema di networking dell’ANF.rnrnIl filo conduttore dell’intero meeting è sempre quello dal quale si dipana l’idea di professione promossa dall’Associazione Nazionale Forense: un’avvocatura più libera, meno corporativa, che non rinuncia mai alle regole.rnrn

 

NON SEI ASSOCIATO AD ANF?

Scopri il nostro statuto e invia subito la tua domanda di iscrizione.

ANF Associazione Nazionale Forense

Press room

Esclusivamente per rapporti con la stampa