Processi, 4 su 10 per reati minori finiscono subito con l’assoluzione

Corriere della Sera – 

Processi che finissero con il 90% di condanne sarebbero non un sistema efficiente, ma un incubo che negherebbe la ragione stessa del giudizio come luogo di verifica dell’accusa. Ma forse neppure è sano che, almeno per la maggioranza dei reati (quelli davanti al giudice monocratico), già in primo grado i processi si concludano in media con assoluzioni nel 35-40% dei casi. Eppure è quanto emerge se si ha la pazienza e si fa la fatica di provare a cercare, tribunale per tribunale, questo dato qualitativo che altrimenti non è contenuto nella pur copiosa statistica quantitativa che proprio oggi e domani verrà come al solito riversata nelle cerimonie di apertura dell’anno giudiziario, in un tripudio di quanti processi siano sopravvenuti, quanti definiti, in quanto tempo, ad onta di quante carenze di organico, e via ingrossando i vari indici. Tutti tranne uno: ma come finiscono questi processi in primo grado?

Numeri sparsi

Una risposta seria non è facile per svariate ragioni. Intanto non esiste appunto un posto dove sia possibile attingere questo dato aggregato. Molti dei tribunali interpellati, come pure dei distretti giudiziari (ad esempio Napoli e Trieste) di Corti d’Appello raggruppanti più tribunali, rispondono di non essere in grado di ricavarlo. Altri non rispondono, altri ancora si sforzano invece di fare una ricerca apposita per non incorrere nella fallacia statistica (che in passato aveva inficiato le prime timide attenzioni al tema) di non depurare il numero delle assoluzioni dalle tante prescrizioni, o dalle (invece non tantissime) tenuità del fatto e messa alla prova. Inoltre c’è differenza tra la mole di procedimenti in cui la Procura esercita (per lo più a citazione diretta) l’azione penale per reati di competenza in Tribunale del giudice monocratico, e la più ristretta quota di dibattimenti (dove il tasso di assoluzione è più basso) per i reati ben più gravi giudicati dal Tribunale in composizione collegiale (tre giudici): nel 2019 le sentenze monocratiche in ordinario sono state 271.000, 90.000 in riti alternativi, 27.000 le sentenze collegiali.

 

Pur con tutti questi distinguo, i numeri trovati consentono una riflessione attendibile almeno appunto sui processi monocratici, che ad esempio annoverano furti, ricettazioni, lesioni personali (salvo le gravissime), spaccio di droga (salvo le forme aggravate e il narcotraffico), frodi informatiche, truffe sulle erogazioni pubbliche, traffico illecito di rifiuti, auto-riciclaggio. Qui, su 100 volte nelle quali la Procura ritenga di non archiviare ma di mandare a processo qualcuno, l’assoluzione è subito l’esito già nel 35% dei casi nel distretto di Roma (con punte in tribunale del 47% a Civitavecchia o Viterbo); 40% nel distretto di Palermo; 40% in tribunale a Firenze; quasi 40% nel distretto di Milano (27% in tribunale a Milano come a Lodi e Busto Arsizio, 35% a Monza, ma con picchi del 50% in tribunale a Como e del 72% a Varese); 34% nel distretto di Reggio Calabria; 30% nel tribunale di Torino; pure 30% nel distretto di Bologna (con punta del 40% a Reggio Emilia); 41% nel distretto di Bari (con tribunali al 38,5% a Bari o al 46% a Trani).

Nuovi occhiali

Assoluzioni in questa quantità, subito al primo colpo, sembrano andare ben oltre il fisiologico esito della prova di resistenza di una ipotesi d’accusa, e fanno temere che molte persone affrontino i danni collaterali (personali, lavorativi e anche economici per il costo della difesa) per la sola pendenza di procedimenti forse non tutti così granitici già in partenza. Prezioso sarebbe disporre di «occhiali» statistici più raffinati (nell’estate 2020 i dirigenti ministeriali hanno assicurato che «la soluzione di questo problema è uno degli obiettivi ipotizzabili nell’arco di un anno»), ad esempio per distinguere i vari tipi di assoluzione (piena o per prova insufficiente, perché il fatto non sussiste, per non aver commesso il fatto, ecc.): in modo da comprendere se un così elevato tasso di cedimento dell’accusa dipenda dal ricorrente meteorite di un fatto nuovo sempre e solo nel dibattimento, o se sia l’onda lunga e deleteria di un’idea sbrigativamente efficientista e rozzamente «aziendalista», che magari spinge i pm a un produttivismo seriale e scadente ma funzionale a vantare poi doti manageriali al momento delle progressioni in carriera, misurate solo sulla quantità prima dai Consigli giudiziari locali e poi dal Csm.

Possibili cause

Se si parla con i giudici, la loro impressione è che le imputazioni spesso siano firmate dal pm ma in realtà redatte dal suo staff, peraltro in fascicoli non di rado istruiti poco (tipico il caso delle bancarotte con solo la relazione del curatore e l’identificazione errata di amministratori di fatto). Per i pm, invece, sarebbero i giudici a utilizzare poco i poteri istruttori integrativi; peserebbe il cambio in corsa di interpretazioni giuridiche sull’utilizzabilità delle prove; e non marginale sarebbe il fatto che nelle udienze monocratiche quasi sempre a sostenere l’accusa siano magistrati onorari (i vpo-viceprocuratori onorari). Costoro, a loro volta, rigettano l’accusa di essere meno «pm» in udienza dei pm titolari, che peraltro da anni gli hanno subappaltato l’intero ruolo monocratico, al punto da faticare a mandare avanti la quotidianità nei periodi in cui i vpo scioperano per chiedere di non essere più trattati dallo Stato come «precari» pagati a cottimo, senza pensione e malattia. E a sentire gli avvocati sarebbe l’ipertrofia dell’esercizio dell’azione penale a intasare i tribunali.

Effetti e alibi

Su tutto aleggia il circolo vizioso tra arretrato, lunghezza dei processi e loro esito: nel senso che più esiste un arretrato che schiaccia taluni tribunali, più tardi (a distanza di mesi e in qualche caso anche di anni) vengono fissati i processi a citazione diretta chiesti dai pm, più sbiadiscono i ricordi dei testi a distanza di così tanto tempo, e più è facile che così si sgretolino elementi anche solidi all’inizio…

 

Somigliano però ad alibi autoconsolatori le minimizzatrici litanìe intonate in magistratura appena si sfiora il tema: in questi dati sulle assoluzioni non sono infatti contate le prescrizioni, e neanche le sentenze «promiscue» (che assolvono una persona su alcune imputazioni ma la condannano su altre). E anzi, se davvero i procuratori della Repubblica sono statisticamente «ciechi» sull’esito in primo grado dei processi che promuovono, viene da chiedersi come facciano allora a rispettare la circolare Csm sulle Procure che a loro impone, nella redazione del progetto organizzativo dell’ufficio, di tenere conto degli «esiti dei diversi tipi di giudizio». Appunto quelli che, al riparo delle statistiche solo quantitative, un po’ tutti sembrano contenti di non (poter) conoscere.

lferrarella@corriere.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Assoluzioni in primo grado nei processi monocratici dati riferiti all’intero distretto giudiziario di Corte d’Appello LEGENDA dati riferiti al Tribunale della singola città Corriere della Sera 41% Bari 40% Firenze Piemonte Toscana Lazio Puglia Calabria Sicilia Emilia Romagna Lombardia 34% Reggio Calabria 40% Palermo 30% Torino 30% Bologna 35-40% Milano 47% 45% 35% 27% 43% 41% 30% Roma Rieti Tivoli Frosinone Civitavecchia ROMA Cassino I tribunali del distretto giudiziario di Roma Processi penali pendenti presso gli uffici giudiziari (al 30/09/2020) 2.676.750 Procedimenti penali pendenti presso gli uffici giudicanti +4,3%* Procedimenti penali pendenti presso gli uffici requirenti -2,7%* Processi penali pendenti presso gli uffici giudiziari (al 30/09/2020) 2.676.750 Procedimenti penali pendenti presso gli uffici giudicanti +4,3%* Procedimenti penali pendenti presso gli uffici requirenti *variazione dal 1 ottobre 2019 al 30 settembre 2020 rispetto al periodo dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019 *variazione dal 1 ottobre 2019 al 30 settembre 2020 rispetto al periodo dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019

La parola

anno giudiziario

Oggi a Roma l’inaugu-razione dell’anno giudiziario in Cassazione si svolgerà, davanti al presidente della Repubblica, per la prima volta solo con 50 persone (anziché 320) per garanti-re il distanziamento, e durerà solo un’ora con le relazioni del primo presidente Pietro Curzio, del pg Giovanni Salvi, del vice presidente del Csm David Ermini e del ministro Bonafede

4,3

l’aumento, segnalato dal ministro della Giustizia, delle pendenze penali per l’impatto del Covid sugli organi giudicanti